Skip to content

Il delegato PUP, Alessandro Vannini, annuncia che il Comune inizia i lavori di rimozione del cantiere

12 aprile 2013
tags: ,

Oggi press clip ricca su via Albalonga.

Alessandro Vannini, Delegato del Sindaco di Roma al Piano urbano parcheggi,  afferma su LEGGO di oggi che sono stati trovati i fondi per l’intervento di rimozione del cantiere da via Albalonga.

Secondo il Delegato Vannini, il XII Dipartimento all’Urbanistica avrebbe messo a disposizione  215 mila euro per il ripristino dello stato dei luoghi sulla nostra strada. “Procederemo così alla messa in sicurezza della strada, come giustamente chiesto dai residenti, dal manto stradale ai marciapiedi e l’illuminazione pubblica…Una procedura straordinaria, dovuta alla necessità di intervenire con urgenza in via Albalonga…” ha dichiaratoVannini nell’articolo su LEGGO.

Il Delegato del Sindaco è intervenuto anche in una trasmissione di ROMAUNO TV durante un servizio realizzato dalla emittente romana sulla situazione di via Albalonga e durante il quale  sono stati intervistati alcuni residenti. Nel servizio Vannini, oltre a confermare quanto detto a LEGGO, ha aggiunto che l’inizio lavori è previsto non prima di un mese, a causa della burocrazia degli uffici romani.
Nell’edizione regionale del TG3 di questa sera delle 19 si parla ancora di via Albalonga (dal minuto 13:36).  Oggi, le sale stampa con gli occhi puntati su via Albalonga.
Annunci

Il Corriere della Sera sul cantiere abbandonato di via Albalonga

12 aprile 2013

Dopo aver dimostrato che il pup di via Albalonga era dannoso e pericoloso (infatti è stato cancellato), dopo aver dimostrato che la società costruttrice non era all’altezza del compito (infatti è fallita e alcuni esponenti hanno avuto problemi giudiziari), dopo aver dimostrato che non vi era anche rischi finanziari non coperti (infatti la società finanziaria che ha dato la fidejussione è fallita pure quella), i cittadini pensavano che il Sindaco Alemanno avrebbe finalmente sentito le ragioni dei cittadini e tolto il cantiere ormai abbandonato e ricettacolo di topi. Invece niente. Il cantiere è abbandontato, forse per dispetto, forse per incuria dell’amminitrazione, forse per tutte e due le cose.

Ora anche i giornali nazionali si occupano della vergognosa faccenda di quartiere, anzi di strada, la nostra. Il Corriere della Sera oggi  nell’edizione romana titola “Via Albalonga, cantiere chiuso e la strada diventa una discarica” di Maria Egizia Fiaschetti con tanto di foto e video.

Copenhagenizzare Napoli?

10 aprile 2013

Quando si toccano le auto, gli automobilisti e i commercianti si ribellano. Oggi una dura protesta, a tratti anche violenta,  con serrata da parte dei commercianti di Napoli per opporsi alla Zona a Traffico Limitato, ZTL. Infatti con una delibera della Giunta comunale dell’amministrazione De Magistris dello scorso 21 novembre vennero rese definitive due nuove aree ZTL sul lungomare e nei  Quartieri Spagnoli e Tarsia/Pignasecca. L’istinto primordiale suggerisce  ai commercianti che meno auto vuol dire meno affari.

Au contraire! L’esperienza in altre città (Copenhagen, ad esempio) mostra che alla riduzione del traffico o della disponibilità gratuita di parcheggi vi è un aumento degli affari e del valore degli immobili. A Copenhagen quando negli anni sessanta (era il 1962 per la precisione) l’amministrazione comunale di quella città decise di avviare la chiusura al traffico auto  delle prime aree della città, i commercianti danesi, inferociti, paventavano il rischio di chiusura dei negozi, riduzione di affari e aumento della disoccupazione in quanto Copenhagen non era Napoli, come dicevano i danesi e che quindi i danesi non si sarebbero potuti abituare a camminare e a usare la bici in un clima così freddo. L’ispiratore fu l’architetto e urbanista danese Jan Ghel.

Oggi Copenhagen è una delle città più floride e vivibili d’Europa, dove un terzo dei trasporti è assicurato dalla bici e un terzo dai mezzi pubblici, con commercianti felicissimi, e un parcheggio per bici ogni 2,5 parcheggi per auto.  Allora perché non copenhagenizzare Napoli o Roma?

Per i più studiosi e per gli aspiranti sindaci, sotto si riporta un video “educational” già proposto da questo blog un paio di anni fa  e che non sarebbe male che i candidati al Comune di Roma e dei Municipi si guardassero con attenzione e studio. Dal minuto 23:16 si parla dell’esperienza storica di Copenhagen.

Linkiesta.it su via Albalonga

8 aprile 2013

I topi in via Albalonga sono di casa grazie al pup abbandonato oramai da due anni.  Il Sindaco Alemanno prima era troppo impegnato con i famigli, poi a leggere dal verso giusto le previsioni metereologiche, oggi sembra troppo preso col cercarsi un nuovo lavoro, viste le prospettive scarse per le prossime elezione.  Anche il PD durante le sue primarie, appena concluse,  ha tenuto in retrovia il tema dei pup, sia in costruzione sia abbandonati. Il giornale online Linkiesta.it pare invece aver notato lo stato di degrado di via Albalonga. Grazie per la comprensione.

Le città più imbottigliate dal traffico

5 aprile 2013

TomTom ha  appena pubblicato il suo Congestion Index. La città più imbottigliata d’Europa rimane Istanbul, mentre Palermo è quella più intasata tra quelle italiane. Roma è più scorrevole di Londra e Parigi, ma negli ultimi due anni – anche se non ha modificato il suo posizionamento rispetto alle altre città – ha però visto un peggioramento del grado di intasamento. Cioè a Roma il traffico scorre più lentamente rispetto a due anni fa. Milano invece ha migliorato la sua posizione rispetto alle altre città europee , grazie anche alle misure anti-traffico adottate dall’amministrazione Pisapia, ancorché il grado di congestione è rimasto tutto sommato lo stesso.  Sono le altre ad aver peggiorato. Napoli fa appena peggio di Milano.

Un precedente post su questo blog ha descritto l’indice di congestione di TomTom.

 

Parcheggi infernali

31 marzo 2013

Gli autori di un famoso libro divulgativo di economia, Freakonomics e Superfreakonomics, in una recente trasmissione radio hanno affrontato il problema dei parcheggi con alcuni specialisti di trasporti urbani.  I temi sono stati trattati più volte in passato su questo blog, però è interessante ascoltare due conduttori spiritosi e competenti che intervistano alcuni esperti.

Negli USA, ad esempio, ci sono 4 parcheggi per ogni auto in circolazione. In alcune città si arriva fino a 8 parcheggi per ogni auto. Un mare di parcheggi. In alcune aree urbane, un terzo della superficie è coperta da parcheggi per auto. Chi paga? Anche se molti non pagano il parcheggio, questo non vuol dire che il costo sparisca e non ci sia qualcun altro che stia sostenendo il coso del parcheggio. A San Francisco stanno testando una idea di Donald Shoup, modificando il prezzo del parcheggio di ora in ora a seconda della domanda e della disponibilità di posti liberi. Il traffico è migliorato, in quanto è più facile ora trovare parcheggi, ma contrariamente a quanti molti temevano, il prezzo medio del parcheggio è in media diminuito. Dove il costo del parcheggio è aumentato (nelle zone supercentrali e pregiate) le auto non vengono più lasciate in sosta per ore, ma hanno un tasso di rotazione molto più elevato. I commercianti si sono visti aumentare la clientela e le vendite. Il traffico è più fluido, l’inquinamento è diminuito. Una win win situation. Da San Francisco a Roma, il salto intellettuale è enorme.

Per ascoltare la loro trasmissione sul blog di freakonomics  (circa 37 minuti) clicca qui (solo in inglese) per chi vuole leggere con calma il transcript completo delle interviste (sempre solo in inglese) è disponibile qui.

 

I topi di via Albalonga

29 marzo 2013
foto.JPGCon il venir meno dei rigori invernali  la natura si risveglia in tutte le sue manifestazioni, comprese quelle più antipatiche o decisamente al limite dell’emergenza igienico-sanitaria della invasione di insetti e di topi che proliferano nel cantiere abbandonato di via Albalonga. Le segnalazioni di avvistamento di topi in prossimità del cantiere abbandonato crescono.  Per cortesia, inviate le prossime segnalazioni con foto e data.

Il Comitato dei cittadini di via Albalonga contro il pup invierà una richiesta di intervento all’ AMA per ottenere la disinfestazione di tutta l’area del cantiere.  Le foto dei simpatici roditori servono per completare un dossier per l’ AMA, i giornali e il Gabinettfoto copia 2.JPGo del Sindaco di Roma, e per sollecitare ancora una volta la rimozione del cantiere abbandonato.
 
 
Il Comitato dei Cittadini di via Albalonga
Cell.:  3316037435

email: viaalbalonga@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: